C’è una sola cosa che tutto il denaro del mondo  non potrà mai comprare: lo scodinzolio di un cane. (da: “Lilli e il vagabondo”, Walt Disney)
Le nostre belle storie
Regina, di nome e di fatto…
genitori   c’era   una   fattoria   dove   viveva   una   cagnetta   che   aveva   le caratteristiche proprio di Regina… guarda il destino! Il     giorno     dopo     io     e Claudia     ci     recammo     in questa    fattoria    e    i    pro - prietari    ci    conferma rono, dalla        descrizione        che Claudia   fece   della   cagnet - ta,   che   era   proprio   Regina, persa     da     vari     mesi     e nonostante    tutte    le    ricer - che fatte mai più ritrovata. Regina      (Elga      il      vero nome)   aveva   quindici   anni ed     era     vissuta     sempre nella     fattoria,     libera     di andare    dove    voleva    (ma sempre    nel    podere)    e    in compagnia     di     un     altro cagnolino, inseparabile amico. Era   fatta…   ora   era   guarita   e   finalmente   poteva   anche   tornare   a casa sua. La   signora   proprietaria,   quando   la   vide,   scoppiò   in   lacrime   e Regina   dimostrò   la   sua   felicità   scodinzolando   a   più   non   posso, aveva   ritrovato   la   sua   “famiglia”.   Si   recò   immediatamente   dove aveva   la   ciotola   dell’acqua   dimostrando   che   anche   il   piccolo   ictus non aveva lasciato traccia. La   nipote,   una   bellissima   bambina   ci   rin graziò   e   do po   un   paio di    giorni    ci    inviò    le    foto    che    ora    potete    vedere    nell’articolo, Regina   era   la   sua   compagna   di   giochi…   si   volevano   un   mon do   di be ne. Si   volevano…   pur troppo,   per ché   come   sem pre   accade,   do po   le cose   belle   immancabilmente   arrivano   le   brut te   e   mesi   dopo,   la pro prietaria    ci    tele fonò    avvisandoci    che    Regina    era    morta durante   la   notte,   l’età   e   una   malattia   incurabile   avevano   avuto   la meglio. Che   dire?   Dolore?   Dolore   è   dir   poco….   putroppo   è   la   vita,   però almeno,   la   nostra   Regina   si   è   spenta   nella   sua   casetta   accanto   a chi    le    voleva    bene    e    non    in    un    fangoso    campo    durante    una fredda, piovosa e ventosa serata invernale e … sola. Ciao Regina.                                                                                          G.D.B.
Tutto    incominciò    in    una    fredda,    piovosa    e    ventosa    serata invernale   del   2014.   Al   Gruppo   Ambiente   arrivò   una   telefonata   di aiuto    da    parte    di    una    signora,    che    camminando    lungo    un sentiero   tra   alcuni   campi   in   località   San   Canzian   d’Isonzo,   vide   in mezzo   ad   uno   di   questi   un   cane,   che,   sotto   la   pioggia   battente   e in mezzo al fango giaceva sdraiato e non si muoveva. Naturalmente            la nostra    volontaria    Con - suelo   si   precipitò   a   ve - dere     immedia ta mente e     quando     arrivò     sul posto        vide        questa povera   bestiola   (era   un pastore        ber gamasco femmina)   in   condizioni pietose,     ba gnata     fra - dicia,    magra,    sporca    e assente,    gli    occhi    le    si giravano    ed    era    dura come un baccalà. Consuelo      la      portò immediatamente          al Grup po     Ambiente,     le mise   una   coperta   calda e    le    prestò    le    prime cure,   poi   chia mò   subito la     presidente     Claudia (mia   moglie)   e   le   spiegò   la   situazione.   Io   ero   anche   a   casa   e   ci precipitammo    al    Gruppo    a    vedere    questa    povera    bestiola. Arrivati    e    constatato    la    gravità    della    situazione    si    prese    la decisione   di   portarla   a   casa   nostra…   almeno   così   nelle   peggiori delle ipotesi, sarebbe morta al calduccio. Per    strada    mia    moglie    telefonò    alla    veterinaria    che    dopo mezz’ora era già a casa nostra. La   veterinaria   la   visitò   e   dopo   il   responso   fu…   la   cagnetta   è disidratata   e   denutrita,   chissà   quanti   giorni   ha   passato   in   mezzo a    quel    campo,    probabilmente    (anzi…    sicuro)    le    è    venuto    un piccolo ictus. Le   fece   immediatamente   una   flebo   e   si   aspettò   qualche   ora. Nessun   miglioramento,   e   a   quel   punto   la   veterinaria   ci   chiese   se volessimo   farle   l’eutanasia   o   aspettare   la   mattina   seguente   e vedere l’evoluzione nella notte. La   nostra   risposta   senza   esitazioni   fu   e   non   poteva   essere un’altra… aspet tiamo domani mattina! E    la    mattina    arrivò,    e    arrivò    con    una    bellissima    sorpresa, perché   durante   la   notte,   il   calduccio   e   la   flebo   fecero   il   grande miracolo. Regina,    perché    non    sa pendo    il    suo    nome    le    mettemmo questo,    era    più    ricettiva,    gli    occhi    non    le    si    giravano    più… insomma      era      già      un      piccolo      passo      ma      significativo. Naturalmente   era   sempre   dura,   con   la   testa   girata   solo   da   una parte… ma almeno era viva! Antibiotici,   flebo,   medicine   varie,   pappa   buona,   il   calduccio   di una   casa   e   Regina   piano   piano   dopo   qualche   giorno   era   fuori pericolo… era salva! Il   problema   a   questo   punto   era   sapere   chi   era   il   proprietario perché   non   aveva   il   microchip   e   quindi   per   il   momento,   fino   a completa guarigione, decidemmo di tenerla con noi. Dopo   qualche   mese,   mentre   Regina   si   era   ripresa   molto   bene anche   dal   piccolo   ictus   che   aveva   avuto,   instaurato   un   rapporto di   amicizia   con   le   nostre   bestiole   e   dimostrato   di   avere   anche   un bel   caratterino   tipico   del   pastore   belga,   in   Gruppo   si   decise   di fare   una   cena   e   a   tavola   parlando   di   lei,   il   compagno   di   una nostra    volontaria    si    ricor dò    che    vicino    all’abita zione    dei    suoi
© Print and Graph - Ronchi dei Legionari
C’è una sola cosa che tutto il denaro del mondo non potrà mai comprare: lo scodinzolio di un cane. (da: “Lilli e il vagabondo”, Walt Disney)
Gruppo Ambiente Onlus - Via Giuseppe Bugatto, 1 - 34077 Ronchi dei Legionari e-mail: gruppoambienteonlusronchi@gmail.com 
5x1000 Trasforma la tua  dichiarazione  dei redditi  in un atto di solidarietà!
Gruppo Ambiente Onlus - Via Giuseppe Bugatto, 1 - 34077 Ronchi dei Legionari e-mail: gruppoambienteonlusronchi@gmail.com 
© Print and Graph - Ronchi dei Legionari
5x1000 Trasforma la tua  dichiarazione  dei redditi  in un atto di solidarietà!
5x1000 Trasforma la tua  dichiarazione  dei redditi  in un atto di solidarietà!
Serve una nuova struttura e abbiamo bisogno del TUO AIUTO realizziamo insieme questo… SOGNO!
Serve una nuova struttura e abbiamo bisogno del TUO AIUTO realizziamo insieme questo… SOGNO!
5x1000 Trasforma la tua dichiarazione dei redditi in un atto di solidarietà!
5x1000 Trasforma la tua  dichiarazione  dei redditi  in un atto di solidarietà!